Tourist Trophy 2013 – TT Zero: trionfo di Rutter, ancora nessuna vittoria per McGuinness

Giornata bellissima all’Isola di Man quella di oggi, mercoledì 5 giugno: l’ideale per le due gare in programma sul Mountain Course, ovvero TT Zero e Supersport 2. 

Alle ore 11.45 locali prende il via la SES TT Zero, una categoria recentemente introdotta al Tourist Trophy che, ad oggi, conta ancora pochi iscritti ma grande potenziale di sviluppo.

Il primo a partire con la sua moto elettrica è Michael Rutter (MotoCzysz), seguito dal compagno di squadra e vincitore della prima edizione TT Zero del 2010 Mark Miller; terzo John McGuinness (Mugen Shinden), che cercherà il record di categoria oltrepassando le 110 mph. Presenti poi Robert Barber (RW2-Electric), Paul Owen (Brunel BX), Chris McGahan (Yamaha R6E del team italiano VercarMoto), Dave Madsen-Mygdal (Imperial College of London) e Ian Lougher, che ieri sera ha annunciato il suo ritiro proprio al termine di questo Tourist Trophy. Lougher gareggia nella TT Zero con una Komatti Mirai KMI come tributo all’amico Yoshinari Matsushita.

Un solo giro per le moto elettriche, un solo giro per cercare la vittoria e il nuovo record di velocità, soprattutto per John McGuinness. Al rilevamento di Glen Helen è proprio il “Morecambe Missile” davanti a tutti, con già 9.206 secondi di vantaggio su Rutter e davanti a Miller anche in strada. Ma prima di Ballaugh il suo vantaggio su Rutter è dimezzato (+4.659): la gara è ancora aperta. Sempre Rutter fa segnare la velocità di punta al Sulby speed trap, notevolmente superiore a quella di McGuinness (142.2 mph contro i 131.8 mph). A dimostrazione di quanto alcune di queste moto siano ancora sperimentali, basta osservare la velocità delle ultime elettriche sul tracciato (Neal Champion passa dallo speed trap a 74.3 mph; si ritirerà poi al Joey’s).

Intanto, a Ballaugh si ritira Mark Miller (che poteva puntare ad un sicuro podio). A Ramsey McGuinness mantiene 5.791 secondi di vantaggio su Rutter; i due sono seguiti da Rob Barber (che si prende 2’18”), George Spence (+3 minuti), mentre McGahan affronta il Ramsey Hairpin suonando il clacson!

La situazione rimane invariata fino al Bungalow, ma da qui in avanti, come ammetterà poi lo stesso McGuinness nell’intervista post-gara, Michael Rutter sparisce letteralmente dalla sua vista. 0.791 è il distacco tra i due a Cronk-ny-Mona, segno che il risultato finale è tutt’altro che scontato.

Al Grandstand, infine, Michael Rutter riesce a vincere il suo terzo TT Zero consecutivo per soli 1.672 secondi di vantaggio su un amareggiato John McGuinness.

Seguono a distanza abissale Rob Barber (+4’24”), George Spence (+5’03”), poi Chris McGahan, Ian Lougher, Dave Madsen-Mygdal (che completa il suo 99° Tourist Trophy) e Paul Owen. Lougher si inserisce al sesto posto dopo aver girato senza rilevamenti cronometrici.

Rutter completa il giro a 109.674 mph di media (20:38.461), superando il crono fatto segnare da McGuinness nelle prove a 109.038 mph. Contrariamente a ciò che tutti si aspettavano, la barriera delle 110 mph non è ancora stata infranta.

 

(Fonte foto:ManxRadioTT)

Con le parole chiave , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.