Tourist Trophy – Dean Harrison vince la Supersport 2, penalità per Dunlop

Mercoledì 6 giugno, Isola di Man. Il sole splende ancora alto nel cielo in questa edizione 2018 del Tourist Trophy.

Tutto è pronto per l’intensa giornata di gare e prove, con la Supersport Race ad aprire le danze seguita da TT Zero e l’attesissima Lightweight Race, per concludere con un giro di prove Sidecar e Senior TT.
Si parte puntuali alle 10.45 locali con Conor Cummins a sfrecciare per primo da Glencructchery Road verso St. Ninian’s sul CBR600RR Padgett’s, con il numero 1 sul cupolino.

L’attenzione è tutta su Michael Dunlop, vincitore di gara 1 detentore del nuovo lap record di categoria, ma al primo rilevamento di Glen Helen è Dean Harrison a comandare sulla Kawasaki Silicone Engineering; dietro, la Honda MD Racing, poi Peter Hickman, James Hillier, Conor Cummins e Lee Johnston. Harrison conclude un primo passaggio a 128.1 mph con partenza da fermo, vicino al lap record fatto segnare da Michael durante la gara di lunedì.

Al secondo giro la leadership del Bradford Bullet aumenta, ma come ormai tutti hanno imparato, mai dare per escluso Dunlop ai primi passaggi.
Questa volta, però, la situazione è diversa: concluso il secondo giro, si entra in pit lane per il rifornimento: qualcuno cambia anche la gomma posteriore, come lo stesso Michael, altri escono e si rigettano verso Bray Hill con gli stessi pneumatici per tutti e 4 i giri, come Harrison. Ma proprio il pit stop tradisce Michael Dunlop: una sosta perfetta da parte del Team MD Racing, ma Michael riceve una penalità di 30 secondi per eccesso di velocità in pin lane.
Con il ritmo di Harrison sarà ora molto, molto difficile per Michael riuscire a recuperare. Un miraggio anche il podio, che è ora una questione personale tra la Triumph di Hickman e la Kawasaki di Hillier.

Dalla nostra postazione a Bottom of Barregarrow è palese quanto i primi stiano “tirando”: il discorso del margine di rischio che i road Racers si tengono, beh, durante questo TT sta davvero lasciando un po’ a desiderare.
La compressione di Barregarrow è qualcosa di impressionante, con i piloti in arrivo dal “top” in curva a sinistra, piegando all’interno di una compressione che scompone vistosamente le moto; qualcuno addirittura si solleva leggermente sulle pedane per avere maggiore controllo.

Terzo giro, il vantaggio di Harrison a Glen Helen è di 20 secondi su Peter Hickman; si registrano intanto vari ritiri, tra cui il bravissimo irlandese Derek McGee, che a Barregarrow passava davvero forte, Glenn Harrison, Jamie Coward, Josh Daley e Rob Hodson.
Giro conclusivo, l’altissimo inglese in sella a “the beast” Trooper by Iron Maiden Smiths Racing riuscirà a rosicchiare qualche secondo nel corso degli ultimi 60.7 km, ma ormai la vittoria di Dean Harrison è annunciata.
Il ventottenne inglese taglia il traguardo conquistando la sua seconda vittoria all’Isola di Man, dopo il trionfo sulla Lightweight nel 2014 (nella stessa edizione in cui anche il padre Conrda vinse tra i Sidecar!).

Alle spalle della Zx-6R Silicone troviamo Peter Hickman (a +18) e James Hillier (Kawasaki JG Speedfit). Quarto Conor Cummins (Honda Padgett’s), quinto Michael Dunlop (Honda MD Racing), poi Josh Brookes (Yamaha MacAms), Lee Johnston (Honda Padgett’s), Gary Johnson (Triumph RAF), James Cowton (Kawasaki McAdoo) e Ivan Lintin (Kawasaki RC Express).

Risultati Supersport race 2

Con le parole chiave , , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

4 reazioni a Tourist Trophy – Dean Harrison vince la Supersport 2, penalità per Dunlop

  1. luca b. ha scritto:

    Grande Deano!
    Dopo la delusione per la sfortuna della SBK, che stava dominando, una meritatissima 1^ vittoria al TT, nella SS e stavolta con un pizzico di fortuna…
    E adesso sotto col Senior, tra Micckey Dee Deano e Hicky ne vedremo delle belle!

  2. luca b. ha scritto:

    Rettifico:
    non sapevo della vittoria LW del 2014…
    Complimenti lo stesso!

  3. Massimiliano ha scritto:

    Finalmente Dean si è tolto la scimmia quest’anno, è sempre bello vedere un fuoriclasse del genere che ottiene il successo che merita

  4. Anonimo ha scritto:

    grazie per le notizie ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.