Francia, prezzi folli per la licenza road racing

Tempi duri per i road racers e non solo in Italia. Lo scorso anno la Federazione Italiana aveva annunciato lo stop ai nulla osta necessari per partecipare alle corse su strada; ora, la Federazione Francese mette i bastoni tra le ruote aumentando follemente i propri prezzi. 

Morgan Govignon al Classic TT 2018 (foto: Luca Colombara)

Come denuncia il road racer Morgan Govignon sul sito Motoclubfleurdelys, nel mese di dicembre la FFM ha inviato ai piloti una comunicazione riguardante il cambiamento del prezzo della licenza per poter disputare corse su strada quali Tourist Trophy, Manx Grand Prix e North West 200: ben 1.595€.

I prezzi sono passati da 390€ nel 2014 a 865€ nel 2016, fino a questo numero a 4 cifre a partire dal 2019, per una licenza completa. La licenza per singolo evento ha prezzi leggermente più bassi, ma la stessa FFM spiega che l’elenco di gare diramato non è completo, avendo così la possibilità di inserire una road race in qualsiasi momento.

Un chiaro modo di intralciare i già difficili progetti per correre su strada, difficili e costosi già per quanto riguarda il viaggio da affrontare per raggiungere l’Irlanda o l’Isola di Man per piloti amatori provenienti dalla Francia, ma anche dall’Italia o dalla Spagna.

E di road racers la Francia ne ha sfornati parecchi negli ultimi tempi: da Xavier Denis al recentemente scomparso veterano Fabrice Miguet, dalla sidecarista Estelle Leblond al poliedrico Julien Toniutti, da Timothee Monot allo stesso Govignon, passando per Lancelot Unissart, Frederic Besnard, Nicolas Pautet, Pierre Yves Bian, fino all’indimenticato Franck Petricola.

Ora i piloti d’oltralpe stanno cercando di trovare una soluzione, ma forse l’alternativa che anche a loro resterà, come per noi italiani, sarà quella di andare a bussare alla porta di una Federazione straniera…

Con le parole chiave , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.