Michael Dunlop, a giugno il debutto alla Pikes Peak in America

Le certezze sul suo futuro hanno vacillato parecchio dopo la stagione nera 2018 con la perdita del fratello William. Ma Michael Dunlop, dopo essere sparito dai paddock dopo Skerries, tornerà quest’anno alle corse con più impegno che mai. 

E’ di oggi, infatti, l’annuncio del suo debutto alla Pikes Peak in America: si tratta della 97^ edizione della gara in salita più famosa ed affascinante al mondo, la Pikes Peak International Hill Climb, mitica cronoscalata dedicata ad auto e moto su un tracciato  letteralmente “tra le nuvole”, che si arrampica sulle Montagne Rocciose del Colorado negli Stati Uniti.

Una lunghezza di 19,9 km  per un dislivello totale di 1.439 metri (la partenza è situata a 2.900 metri di altitudine, il traguardo a 4.300 metri sul monte Pikes Peak), 156 curve e una pendenza media del 7%: questi i dati del lungo serpentone di asfalto nel paesaggio lunare del Colorado.

Una sfida contro il tempo ma anche contro tutte le insidie che l’altitudine nasconde, quali il cambio di temperatura, umidità e condizioni atmosferiche, nonché il diverso rendimento dei motori.

La gara è aperta ad auto e moto di differenti categorie e si corre dal 1916 in un contesto paesaggistico assolutamente mozzafiato. Dal 2016 il regolamento non ammette più le supersportive (il divieto è per i semimanubri), sia per motivi di sicurezza, ma soprattutto per arginare il loro strapotere degli ultimi anni, in particolare dopo l’asfaltatura di tutto il tracciato.

Il record assoluto spetta a Romain Dumas che, lo scorso anno, a bordo della Volkswagen elettrica ID R ha stracciato il precedente primato di Sebastian Loeb, salendo in 7’57”148, primo pilota sotto il muro degli 8 minuti.

Per quanto riguarda le due ruote, il primato spetta a Chris Fillmore su Superduke R 1290, che ha fatto segnare un 9’49”625 nel 2017.

Se in passato tra i “nomi di nostra conoscenza” avevano partecipato Guy Martin e Rob Barber, quest’anno i riflettori sono puntati nientemeno che su Michael Dunlop: il ventinovenne nordirlandese debutta alla Pikes Peak e lo fa con una BMW S1000R (attenzione, non una S1000RR come erroneamente riportato da alcuni siti internet; la S1000RR, dotata di semimanubri, non è ammessa per regolamento).

Il 18 volte vincitore al TT dividerà il Team con una signorina, la tedesca Lucy Glöckner, sotto le insegne Wunderlich MOTORSPORT powered by ProKASRO. La Glöckner è stata la miglior esordiente su due ruote nell’edizione 2018 della Pikes Peak con un tempo di 10:21.932. Entrambi prenderanno parte alla classe “Heavyweight”.

La gara della Pikes Peak 2019 sarà il 30 giugno. Nella entry-list troviamo anche l’italiano Luca Trivella, che ha già preso parte all’edizione 2017.

Con le parole chiave , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.