Tourist Trophy – Dean Harrison vince un Senior TT mozzafiato

“Ho vinto il Dunlop Senior TT…con le Metzeler!”. Sono queste le prime parole di Dean Harrison, appena sceso dalla sua Kawasaki Zx-10R Silicone Engineering dopo sei giri mozzafiato del Mountain Course: è lui il re del Senior TT

Dean Harrison durante il Senior TT (foto: Lapconcepts)

Venerdì 7 giugno, Isola di Man. La giornata conclusiva di questo travagliato Tourist Trophy 2019 prevede una sola gara, la più importante, dato che per mezzogiorno si teme arriverà la pioggia: gara 2 Sidecar è stata saggiamente anticipata a ieri, un giorno intenso che ha visto svolgersi ben 5 gare più 2 sessioni di qualifica.

Con tre vittorie in tasca questa settimana, Peter Hickman è certamente il favorito per questo Senior TT, in sella alla BMW Smiths Racing; atteso, nuovamente, un testa a testa con Harrison.

Alle ore 10.15 locali è il manxman Conor Cummins su Honda Padgett’s a dare il via a questa “main race” del TT 2019: pacca sulla spalla e giù in picchiata verso Bray Hill. A seguire proprio Harrison, che al primo rilevamento di Glen Helen ha già rosicchiato 5 secondi a “Conrod”; ma è Peter Hickman a balzare in testa agli intertempi con soli 3 decimi di margine su “Deano”. Seguono Cummins a +5, poi Michael Dunlop e Rutter. A Ballaugh la leadership risicatissima passa nelle mani di Harrison, con Hickman a riprendersela a Ramsey , mantenendola fino al traguardo: 2.2 secondi sulla Kawasaki di Harrison al Grandstand e un giro pazzesco a 134.28 mph con partenza da fermo per Hickman! Non è da meno Dean, che gira a 133.9, mentre il giovanissimo Davey Todd sulla BMW Penz13.com entra ufficialmente nel “club dei 130” con un 130.23.

Al termine del primo passaggio si registra purtroppo il ritiro in pit lane di Stefano Bonetti (problemi elettrici al suo BMW) e quelli di Paul Jordan e Rob Hodson, mentre la Norton di John McGuinness si ammutolisce al Bungalow in cima alla montagna.

Secondo giro, Hickman cambia decisamente passo e inizia ad allungare su Harrison, l’unico comunque che riesce a tenergli testa: +3.4 a Ramsey, +6.5 al Bungalow, +8 al Grandstand, rallentando poi per il primo dei due pit stop previsti. Sfortuna in questo momento per il Team Honda Racing, con Hutchinson che scende dalla moto in pit lane e Davo Johnson che cade a Bedstead (rider ok). Ritirato anche Sam West, mentre Julian Trummer riceve 30 secondi di penalità per eccesso di velocità in pit lane.

Dopo un velocissimo rifornimento da parte del Team Smiths Racing, Peter Hickman vanta 10 secondi di vantaggio su Harrison a Glen Helen al terzo passaggio, mentre Cummins rimane saldamente in terza piazza e Dunlop in quarta. “Hicky” spinge veramente fortissimo, gli spettatori lungo il tracciato riferiscono di una guida forsennata: +12 il suo vantaggio al Bungalow, +13.4 al Grandstand, + 17 al termine del quarto giro, con un passaggio a 133.5 mph.

Secondo ed ultimo pit stop, è gara anche tra i Team Smiths e Silicone per permettere ai rispettivi piloti di perdere meno tempo possibile per rifornimento e cambio gomme. Ma ecco che al quinto giro arriva il colpo di scena: a Glen Helen il vantaggio di Peter Hickman si è ridotto a 7 secondi, a Ballaugh addirittura a 1 e al rilevamento di Ramsey è Dean Harrison che comanda per 7 secondi sul connazionale, portandosi a +14 al Bungalow e addirittura a +31 a Glen Helen al sesto ed ultimo giro di questo Senior TT da cardiopalma. Harrison allunga: +46 a Ramsey, con Cummins attardato di soli 12 secondi da Hickman, che rischia di perdere anche il secondo gradino del podio. La S1000RR Smiths ha evidenti problemi e Hickman sta ovviamente cercando di “guidarci sopra” per portare la moto al traguardo. Pazzesco.

Conor Cummins su Honda Padgett’s (foto: LapConcepts)

Poche miglia rimaste ed è fatta: con 53 secondi di vantaggio, il trentenne inglese Dean Harrison vince il suo primo Senior TT, il terzo TT in carriera dopo una Lightweight e una Superbike Race. Una vittoria un po’ aiutata dai problemi tecnici di Hickman, ma decisamente meritata visto come sta guidando questo incredibile ragazzo negli ultimi anni. Concentrato e serio, veloce nel parlare tanto quanto nel guidare, al TT lo si vedeva in giro per il paddock con un motorino sgangherato, a gironzolare soprattutto tra le tende dei sidecar. Gli spettatori lungo il tracciato lo hanno accompagnato con grandi applausi durante il sesto giro di questo Senior TT e la festa ora è tutta per lui.

Un grande plauso anche a Hickman, che certamente non sarà felice di aver gettato al vento un trionfo così importante per la scelta della moto “sbagliata”: si vocifera che “Hicky” avesse chiesto di usare la Stock, con cui si trova decisamente meglio, ma la moto non era stata portata alle verifiche tecniche in tempo utile. La Superbike ha iniziato a dare problemi di surriscaldamento negli ultimi giri e Peter doveva guidare costantemente sotto gli 11.000 giri per evitare la fuoriuscita di acqua.

Terzo gradino del podio per un sempre consistente Conor Cummins su Honda Padgett’s a +5 da Hickman; quarto Michael Dunlop (Tyco BMW), quinto James Hillier (Kawasaki Quattro Plant), sesto un incredibile Davey Todd (BMW Penz13.com) che termina con un 131.49 mph, una media spaventosa per essere solo il suo secondo Tourist Trophy. Questo ragazzino vincerà presto…

Settimo posto per Michael Rutter (Honda RC213V Bathams), ottavo un ottimo Jamie Coward (Yamaha Prez), nono l’irlandese Brian McCormack (BMW ON1Racing) e decimo posto per il simpaticissimo Dominic Herbertson (Kawasaki Davies Motorsport).

Per il TT 2019 è tutto, un grande applauso agli organizzatori e ai marshal per aver gestito perfettamente un TT che è partito in modo a dir poco disastroso. Nessun record battuto (a parte il TT Zero), ma tanto spettacolo offerto ancora una volta.

Grazie anche a tutti voi che avete seguito i nostri report. E l’ultimo pensiero, ovviamente, va a Daley Mathison…

Con le parole chiave , , , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

2 reazioni a Tourist Trophy – Dean Harrison vince un Senior TT mozzafiato

  1. franco calissi ha scritto:

    Anche con soli tre giorni utili sempre un grande TT
    Con un’inviata speciale !

    Che dire,personalmente sono contento per Deano,gran bravo ragazzo e sono almeno un paio di anni che è lassù ai piani alti delle classifiche
    Hichy un pò se la merita dopo che aveva snobbato le moto italiane a Ciapa la moto nell’intervista 😉

    Bonny un grande anche senza ripetere NW200,è il nostro rappresentante !
    Dunlop fa tremare le vene dei polsi,grande rispetto per lui

    E’ andata,un abbraccio a chi voleva bene a Daley

  2. Massimiliano ha scritto:

    Sono contentissimo per Dean, un pò di fortuna se la meritava, Hickman è come Marquez, se per una volta non vince se ne farà una ragione…

    RIP Daley Mathison, senza il suo incedente sarebbe stato un TT perfetto ma purtroppo è andat così

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.