Sorprendente Adam McLean, miglior newcomer al TT 2017

mclean

Il Tourist Trophy 2017 è stato piuttosto anomalo dal punto di vista degli esordienti. Come sappiamo, i veri e propri newcomers al TT sono coloro che non hanno mai girato prima sul Mountain Course e, a differenza di qualche anno fa, oggi non è affatto semplice accedervi direttamente. Lo fa chi ha già un nome conosciuto, come Josh Brookes, Peter Hickman o Alex Polita, o chi ha una certa esperienza pregressa nelle corse su strada, come i tre novellini di quest’anno. 

Alex Polita: “Tourist Trophy, obiettivo raggiunto”

ellan vannin

Nel paddock del TT, quest’anno, non era insolito incontrare la bella famiglia Polita tranquillamente a spasso tra centinaia di appassionati, moto, stand, tendoni. Alex si è spesso trovato a spingere il passeggino con la piccola Ida in attesa che qualcosa accadesse, in attesa che le agognate sessioni di prove e le gare prendessero finalmente il via in questo piovoso e snervante TT 2017. 

TT – Problema alla pompa benzina, sfuma il podio di Bonetti con Paton

IMG_5335-1

Tourist Trophy 2016. Durante la gara Lightweight gli appassionati italiani hanno trattenuto il respiro per 4 lunghi giri del Mountain Course seguendo le gesta di Stefano Bonetti in sella ad una privatissima Paton nelle posizioni alte della classifica, infine 5° al traguardo ma a soli 7 secondi dal terzo gradino del podio. 

Intervista a Paul Jordan, newcomer al TT

image2 (14)

Ad un giorno esatto dal via del Tourist Trophy vi presentiamo uno dei Newcomers più illustri e certamente da tenere d’occhio. Domani, sabato 27 maggio, il nordirlandese Paul Jordan farà il suo debutto sul Mountain Course nella sessione dedicata proprio agli esordienti che apre l’edizione 2017 del TT; un primissimo assaggio del tracciato con un giro a gruppi dietro a “titolati istruttori”, un primo giro che i piloti difficilmente dimenticano nella vita. 

Matteo Bardelli, finalmente al Manx Grand Prix

IMG-20170424-WA0026

E’ un sogno a lungo accarezzato, a lungo pianificato, ed è la seconda volta che si avvicina. La prima, però, lo aveva visto sfuggire all’ultimo momento. Quest’anno Matteo Bardelli ci riprova: dopo l’accettazione da parte degli organizzatori, sarà newcomer al Manx Grand Prix dell’Isola di Man. 

Intervista a Derek McGee, il missile di Mullingar

image3 (3)

La Cookstown 100 della scorsa settimana si è conclusa con l’incoronazione di Derek McGee a “Man of the Meeting”, ovvero miglior pilota dell’evento. E a ragione, poiché nonostante il fortissimo irlandese non abbia conquistato nemmeno una vittoria all’Orritor, il suo nome era sempre presente nelle prime posizioni, in ogni categoria. 

Intervista a Micko Sweeney, “the comeback kid”

image3 (2)

Ci sono momenti nella vita in cui ci si trova di colpo a pensare a ciò che si sta facendo, alla strada che si sta percorrendo. E un incidente, per un pilota, può essere uno di quei momenti. A Michael Sweeney è successo nel 2015, dopo una bruttissima caduta al TT. Ma poi, l’adrenalina e la passione per questo mondo hanno avuto di nuovo il sopravvento. 

Nicolò Capelli, un giovanissimo al Manx Grand Prix

capelli

E’ tra gli italiani più giovani che si siano mai avvicinati alle competizioni sull’Isola di Man e farà il suo esordio sul “sacro suolo” di Ellan Vannin al Manx Grand Prix di agosto: stiamo parlando di Nicolò Capelli, bergamasco classe 1993 con tanta pista “nel polso” ma le road races nel cuore.