TT – Problema alla pompa benzina, sfuma il podio di Bonetti con Paton

Tourist Trophy 2016. Durante la gara Lightweight gli appassionati italiani hanno trattenuto il respiro per 4 lunghi giri del Mountain Course seguendo le gesta di Stefano Bonetti in sella ad una privatissima Paton nelle posizioni alte della classifica, infine 5° al traguardo ma a soli 7 secondi dal terzo gradino del podio. 

IMG_5335-1

Stefano Bonetti sulla Paton SC Project al TT 2017 (foto: LapConcepts)

La “verdona italiana” apparteneva al Team CCM Motorsport dell’amico Lorenzo Carsaniga ed era approdata al TT con il “Bonny” lasciando letteralmente a bocca aperta il plotone ER6 grazie alle sue eccellenti prestazioni.

Tourist Trophy 2017. Stefano Bonetti torna all’Isola di Man con la S1, questa volta supportato ufficialmente dalla Casa milanese che, qualche mese prima, era stata acquisita dal noto marchio di scarichi SC Project. Si punta in alto: due S1 impeccabili, due piloti d’esperienza come Stefano Bonetti e Michael Rutter. Il sogno di un podio del “Bonny” al TT su moto italiana inizia a concretizzarsi agli occhi di tutti. E ancor più dopo le prime sessioni di prove Lightweight: la Paton di Stefano vola ed il nome “Stefano Bonetti” è in cima alla classifica dei tempi con un best lap a 115 mph di media. Il sogno stava diventando realtà.

 

Stefano, cosa hai provato leggendo finalmente il tuo nome davanti a tutti al TT?

Non è stato per niente male! Dopo dieci anni che corro qui, finalmente… Certo, questa categoria me lo ha permesso perché non ci sono i team più grossi. Comunque è stata una bella soddisfazione.

 

Poi, però, il buio. Mercoledì 7 giugno prende il via la Lightweight TT Race per una durata di 4 giri del Mountain Course, 242.8 km totali. Il compagno di squadra “the Blade” Rutter si porta saldamente in testa alla corsa, seguito da un indiavolato Martin Jessopp e dal nostro Stefano Bonetti: costantemente nominato dai commentatori di Manx Radio, costantemente inquadrato dalle telecamere, “l’outsider” stava impensierendo i “big”, il più esperto portacolori italiano al TT stava facendo sognare gli appassionati del nostro Paese (e non solo). Ma poi, qualcosa è andato storto. Passato il rilevamento del Bungalow sul Mountain, i minuti hanno iniziato a scorrere inesorabilmente senza che il nome di Stefano comparisse al successivo “timing-point” di Cronk-ny-Mona. Quindi, l’annuncio di Manx Radio: Stefano Bonetti ritirato al Creg-ny-Baa. Amarezza, delusione, un vero e proprio sogno infranto per tutti. Mentre “l’altra” Paton di Rutter si involava verso la vittoria, il nome di Stefano rimaneva immobile sul live timing, mentre decine di mani, ci scommettiamo, cercavano invano di riaggiornare la classifica nella speranza di un errore.

 

Qual è stato di preciso il problema, Stefano?

Si è rotta la pompa della benzina. Una cosa “da niente”. La moto stava andando benissimo, teoricamente Rutter sarebbe stato duro da battere ma il terzo posto era tranquillamente alla mia portata. Anzi, se fossi riuscito a migliorare negli ultimi due giri avrei potuto anche puntare al secondo posto. Però è andata così, capita…

 

Con la Paton avevi avuto purtroppo un problema anche in prova.

Sì, in prova mi sono dovuto fermare per colpa di un fusibile, ma per il resto era tutto perfetto.

 

IMG_8267-18Oltre alla “verdona” SC Project, Bonetti ha corso le gare 1000cc con la nuova BMW S1000RR del suo Team Speed Motor, centrando un best lap a 124.656 mph di media (18’09”623) all’ultimo giro della Senior Race, come spesso accade. Ma senza riuscire a migliorare i suoi tempi del 2016, come del resto la maggior parte dei piloti quest’anno. Stefano ha centrato un ottimo 18° posto nella Superbike Race, un 28° nella Superstock ed un 24° nel Senior TT.

 

Come ti sei trovato con BMW dopo vari anni con Kawasaki al Tourist Trophy?

Ho avuto dei problemi perché la moto era nuova e avevamo bisogno di più tempo per sistemarla qui, ma purtroppo a causa del maltempo abbiamo potuto provare poco. La gara Superbike non è andata male, ma per la Stock abbiamo voluto fare delle modifiche all’ultimo minuto prima della gara e abbiamo sbagliato, potevamo evitarle. In più ho rotto anche lo scarico in gara, ma avevo comunque problemi di ciclistica dati da scelte sbagliate. Per il Senior abbiamo riportato la moto come era per la gara Superbike, ma non avevo grossi obiettivi perché stava andando un po’ tutto male. Il BMW comunque si comportava abbastanza bene, ci voleva solo più tempo per provarlo.

 

 

Chiuso il TT, quali sono le tue prossime gare?

Solo l’Europeo Salita. Avevo un progetto per il Classic TT ma poi è sfumato, quindi verrò al Manx GP a fare da meccanico al mio amico Francesco Curinga.  

 

Cosa ti rimane di questo TT 2017, sei più arrabbiato o più deluso?

Deluso, tanto. Il team comunque ha lavorato molto bene, è andata così, sono cose che capitano…

 

Pensiamo già all’anno anno prossimo allora.

L’anno prossimo è lontano, vedremo… 

Con le parole chiave , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

3 reazioni a TT – Problema alla pompa benzina, sfuma il podio di Bonetti con Paton

  1. Enrico Lulli ha scritto:

    Grande Stefano

  2. Mr Ballymoney ha scritto:

    Coraggio Stefano l’ anno prossimo è quello buono vedrai che gira!

  3. renzo - parma ha scritto:

    Grandissimo Stefano!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.