Ian Hutchinson rinnova con Tyco BMW. In attesa di un secondo pilota?

Come già era apparso molto probabile, arriva questa mattina la notizia ufficiale del rinnovo tra Ian Hutchinson e TAS Racing. “Hutchy” sarà alla guida delle BMW di Moneymore per il secondo anno consecutivo, dopo un 2016 a dir poco stellare.

b9oo

Ian Hutchinson al TT 2016 (foto: Bob Derrick)

Vittorie alla North West 200, al Tourist Trophy, all’Ulster GP, dove con un giro record ad oltre 134 mph di media Ian ha strappato a Bruce Anstey il titolo di road racer più veloce al mondo. Cosa è mancato? L’ambitissimo Senior TT, appannaggio di uno strepitoso Michael Dunlop.

Ma con 14 TT vinti in carriera e 40 operazioni alla gamba dopo il terribile crash di Silverstone 2010, Ian Hutchinson è considerato uno dei piloti più forti di sempre dal punto di vista sia di guida che mentale.

Il 2017 vedrà “the Bingley Bullet” di nuovo con i colori della storica squadra di Hector e Philip Neill, padre e figlio nordirlandesi icone del mondo road racing e BSB (dove per il 2017 hanno rinnovato Christian Iddon e ingaggiato Davide Giugliano). “Hutchy” sarà al via delle International Road Races e di nuovo del British Superstock Championship, perso quest’anno per un soffio da Taylor Mackenzie. Si era parlato di un suo passaggio al British Superbike, ma infine Hutchy ed il team hanno optato per un altro anno nella classe Stock 1000, categoria combattutissima e nella quale Ian ha reali possibilità di conquistare il titolo.

Il Team TAS, che ha negli anni ingaggiato piloti del calibro di Bruce Anstey, Adrian Archibald, Cameron Donald, Guy Martin (che al 99,9% non vedremo nelle road races neppure nel 2017) e William Dunlop, ha come obiettivi i trionfi in egual modo nel BSB e nelle road races. Il vecchio Hector, in particolare, vanta un grande attaccamento alle corse su strada e, nonostante abbia lasciato la gestione del team nelle mani del figlio Phil, nelle road races non manca. Come al TT 2016, addetto al rifornimento di “Hutchy” e attentissimo anche al pit stop di altri piloti, dispensando consigli e preziose lezioni.

Lo scorso anno la squadra aveva in realtà ingaggiato anche Ryan Farquhar per il Tourist Trophy, ma il veterano nordirlandese ha dovuto adire addio al resto della stagione dopo il bruttissimo incidente alla North West 200. Le porte aperte ad un secondo pilota ci sono comunque anche quest’anno. Confermato anche il fedele main sponsor Tyco.

Hutchinson sarà poi in sella alla Yamaha R6 del leader dei Prodigy Keith Flint per le gare Supersport con il Team Traction Control (McAMS).

 

Con le parole chiave , , , , , , , , . Aggiungi ai preferiti : permalink.

Una reazione a Ian Hutchinson rinnova con Tyco BMW. In attesa di un secondo pilota?

  1. Harno ha scritto:

    Se io fossi in Hutchy non correrei nella Stock 1000, quindi in nessun circuito permanente; le probabilità di cadere sono assai maggiori rispetto agli stradali. Con quella gamba malconcia è un attimo danneggiarla in una qualsiasi banale caduta, comprommettendo così tutte le gare stradali a cui punta Ian.
    Ma capisco anche che alcune squadre abbiano contratti ben definiti da rispettare.

    https://www.youtube.com/watch?v=5Ua7QmRWHoM&t=23s

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.